Commercianti in difficoltà Vs. E-COMMERCE e Fidelity Card causa COVID-19

Per quanto riguarda il passato, i numeri già parlavano di un trend di crescita eccellente.

Ma il presente, ossia il 2020, ha nettamente rotto questo stabile trend di crescita, portando in soli 15 giorni di marzo un incremento del fatturato online da 3 a 20 volte l’ordinario. Un’opportunità dettata dalle restrizioni del governo che diventano promettenti per il futuro prossimo. Vi sono E-COMMERCE che avrebbero fatturato al massimo 2.000 euro nel 2020, ma oggi cambia tutto. In pochi giorni il fatturato è stato raggiunto.

In che modo verrà vissuto l’E-COMMERCE dagli italiani? Secondo le previsioni fatte da Che Idea, la crescita maggiore coinvolgerà i centri commerciali, proprio per la loro vastità di prodotti e servizi offerti. Al secondo posto, con un’ascesa quasi inaspettata, i piccoli commercianti alimentari di vicinato, grazie anche all’ E-COMMERCE e al servizio a domicilio.

Il comportamento del consumatore sta cambiando quasi istantaneamente, le distanze diventano nulle, grazie all’ E-COMMERCE. Se prima era un piacere andare nei centri commerciali il fine settimana, cenare abitualmente in pizzerie e ristoranti, oggi, gli Italiani stanno riscoprendo valori: per la famiglia, per la cucina domestica, curando meglio il proprio tempo libero. Acquistare online non è nemmeno più un ostacolo tecnologico. Grazie al pagamento alla consegna, agli ordini effettuati telefonicamente e agli acquisti di gruppo, il consumatore impara velocemente e coglie nuove opportunità.

I rischi per chi aveva già una clientela sul canale tradizionale, dopo le restrizioni del governo, saranno quelli di non riuscire a mantenere i propri clienti, che, oggi, stanno acquistando online o nei negozi di vicinato.

Che Idea ha intervistato alcuni commercianti in difficoltà: molti hanno perso clientela, alcuni sono ancora chiusi e vivono nel timore che i loro clienti abituali non torneranno. I primi rancori: la mancata realizzazione di un E-COMMERCE e la mancata realizzazione di sistemi fidelity.

È tempo di riorganizzarsi e rompere gli schemi di qualche settimana fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top